Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

Cucciolo di bradipo fissa dolcemente la telecamera

Un tenero scatto diffuso da The Sloth Sanctuary of Costa Rica mostra in primo piano un cucciolo di bradipo che fissa teneramente l'obiettivo. The Sloth...

Tampone vaginale causa la morte di una 17enne

Appare assurdo eppure accade, seppur molto raramente: un tampone vaginale ha causato uno shock tossico ad una ragazza belga di 17 anni. Si chiamava Maëlle ed era una giovane piena di vita e di speranze per il futuro. Viveva per lo sport che era la sua grande passione! Ma alcuni giorni fa la sua vita è stata bruscamente interrotta a causa di un’infezione contratta a causa di un tampone vaginale, ovvero un assorbente interno.

Maëlle, una vita stroncata da un tampone vaginale

Maëlle Nactergal aveva solo 17 anni e viveva, con la sua famiglia, a Walcourt, una cittadina belga di poco più di 17 mila abitanti. Lunedì sera la ragazza è rientrata dalla palestra e subito dopo ha accusato i primi sintomi. Febbre alta, vomito, diarrea. Sintomi che hanno fatto pensare ad una semplice influenza. Il giorno dopo, però, la situazione peggiora e Maëlle inizia ad accusare vertigini e pressione bassa che hanno costretto la ragazza al ricovero. Inutile ogni tentativo di salvare la ragazza dall’infezione dato che la morte è sopraggiunta dopo alcuni giorni.

Shock tossico per un tampone vaginale, com’è possibile?

A questo punto sono in molti a chiederselo: com’è possibile che nel 2020 si debba morire a causa di un tampone vaginale? Quella che ha colpito la ragazza è una forma di sindrome da shock tossico (TSS) definita come mestruale proprio perché correlata al periodo in cui la donna ha il ciclo. Circa il 70% dei casi di TSS parte proprio da un tampone vaginale anche se i rischi variano in funzione delle composizioni chimiche dei tamponi stessi e del loro potere assorbente.

I ricercatori stessi non ci sanno ancora spiegare esattamente come ciò possa accadere. Secondo alcuni, l’infezione parte quando il tampone non viene cambiato spesso e, quindi, diventa terreno ideale per i batteri. Non sembra questo il caso della giovane Maëlle. Secondo altri pareri, l’assorbente interno graffierebbe le pareti vaginali permettendo ai batteri di entrare nel sangue e, dunque, causare l’infezione. Non vi sono, comunque, ad oggi, conferme scientifiche su ciò.

Prevenire la sindrome da shock tossico mestruale

Ci sembra opportuno, a questo punto, definire alcune precauzioni che possono limitare al massimo il rischio di contrarre l’infezione utilizzando un tampone vaginale.

  • Se il ciclo non è abbondante, meglio utilizzare assorbenti esterni;
  • i tamponi vaginali andrebbero alternati con gli assorbenti esterni;
  • il tampone vaginale va cambiato spesso (ogni 5 ore circa);
  • la confezione contenente i tamponi deve essere riposta al riparo da umidità e polvere;
  • indispensabile lavare bene le mani prima di utilizzare un tampone interno;
  • se vi sono difficoltà nel togliere il tampone è meglio optare per i modelli con una minor forza assorbente.

© Riproduzione riservata

Must Read

Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

Cucciolo di bradipo fissa dolcemente la telecamera

Un tenero scatto diffuso da The Sloth Sanctuary of Costa Rica mostra in primo piano un cucciolo di bradipo che fissa teneramente l'obiettivo. The Sloth...

Related Articles

Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here