Take a fresh look at your lifestyle.

AstraZeneca: sospese le vaccinazioni in tutta Italia

0 2

l’Aifa ha deciso, sospese le vaccinazioni con il farmaco AstraZeneca, fino a quando i recenti decessi avvenuti non siano stati chiariti. Sulla stessa scia anche altri paesi

Sospese le vaccinazioni in l’Italia

Sono Italia, Francia, Germania Spagna e infine il Portogallo gli ultimi paesi ad aver bloccato le vaccinazioni con AstraZeneca, il farmaco prodotto dall’azienda inglese , vede cosi allargarsi il numero di paesi UE che si aggiungono allo stop, dopo le diverse morti misteriose avvenute a seguito della somministrazione del vaccino, oltre ai paesi sopra citati, vi sono anche altre 13 nazioni ad aver preso la stessa decisione riguardo il farmaco Anti-Covid.

Nonostante questo, però il Regno Unito non si ferma, e anzi va avanti per la propria strada dichiarando

”Undici milioni di vaccinazioni e non c’è stata una dimostrabile differenza nel numero di coaguli di sangue da quando il vaccino è stato introdotto”.

Dello stesso avviso sia l’Agenzia del Farmaco che l’OMS che chiedono a gran voce alle nazioni, di non fermarsi con le vaccinazioni.

l’Italia dichiara il fermo per il vaccino AstraZeneca

- Advertisement -

l’Aifa dopo l’intervento del Ministro Speranza e il colloquio avuto con il presidente del Consiglio Mario Draghi, ha deciso di prendere in mano la situazione dichiarando il blocco temporaneo delle vaccinazioni con il farmaco. Come viene spiegato dal diretto generale dell’Agenzia del Farmaco Nicola Magrini ai media, la sospensione del farmaco è avvenuta per la seguente motivazione:

“perché diversi paesi europei, tra cui Germania e Francia, hanno preferito sospendere in presenza di alcuni recentissimi e pochissimi casi di eventi avversi in donne e giovani, e ciò ha suggerito uno stop di verifiche prima di ripartire”.

Solamente questione di pochi minuti e si prende notizia che sono state sospese le vaccinazioni pure in Francia attraverso un comunicato di Emmanuel Macron, dello stesso avviso la Spagna che ha imposto lo stop per 15 giorni.

Le indagini condotte dall’Ema

l’Ema intanto, mentre sono state sospese le vaccinazioni, sta continuando il loro lavoro di indagine per accertare cosa sia accaduto riguardo la morte di diversi soggetti, avvenuta dopo la somministrazione della prima dose per tromboembolia, e farà sapere che i primi risultati arriveranno molto presto.

Nel frattempo nonostante lo stop di numerose paesi, il Regno Unito ha deciso di non fermarsi, e continua la sua campagna di vaccinazione, che vede il supporto dell’Oms:

“Sfortunatamente, le persone muoiono di trombosi ogni giorno, la chiave è se questo abbia qualche legame con il vaccino – afferma cosi Soumya Swaminathan, scienziato capo dell’Oms – Al momento non abbiamo riscontrato che ci sia una relazione tra il vaccino e i casi di trombosi rilevati.

Infatti, le percentuali di trombosi tra i vaccinati sono addirittura inferiori a quelle della popolazione nel suo complesso. Nessun farmaco è sicuro al 100%, ma bisogna tenere conto dei vantaggi di vaccinare la popolazione”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.