Robadasocial.it
Magazine di notizie curiose dal mondo

Biancheria intima, il 50% delle persone confessa: non la cambia tutti i giorni

Biancheria intima: agli americani il primato per il mancato cambio della biancheria ogni giorno. Per alcuni andrebbe bene anche due volte a settimana

Biancheria intima: alcuni americani la cambiano solo 2 volte a settimana

La biancheria intima noi italiani siamo abituati a cambiarla tutti i giorni. E’ una buona norma che favorisce l’igiene e ci tiene lontani da patologie. Più o meno fastidiose e complicate da gestire.

Ma non tutti a quanto pare fanno lo stesso. Lo sanno gli americani, che sono risultati essere non propriamente “puliti” come popolo, secondo i dati di un’indagine riportata di recente dal Mirror.

Secondo questa ricerca, quasi la metà della popolazione statunitense indagata, non cambia regolarmente la biancheria intima. E sopratutto, una volta cambiata, non la lava in maniera adeguata. Utile a garantire l’igiene anche delle parti intime.

Ma i dati fanno ancora più stupore se si pensa che gli intervistati hanno confessato di tenere gli stessi indumenti anche per un’intera settimana. Senza mai avere l’accortezza di cambiarla.

Nel campione preso in esame, pare che la componente maschile è la peggiore. La maggior parte ha affermato di utilizzare un solo paio di pantaloni la settimana. Tra i più “puliti” c’è chi ha affermato di utilizzare al massimo due cambi ogni 7 giorni.

Biancheria intima: affezionati a indumenti dai quali è difficile staccarsi

L’indagine ha rilevato anche qual è il fattore che non consentirebbe di cambiare la biancheria ogni anno, come consigliato da molte aziende produttrici. Per molti si tratterebbe di attaccamento.

Circa il 46% degli intervistati ha infatti ammesso di aver posseduto e utilizzato la stessa biancheria intima anche per molti anni.

Il 38% invece ha affermato di avere la stessa biancheria da così tanto tempo da non ricordare quando fosse stata acquistata. Insomma, a quanto pare gli americani vanno oltre le raccomandazioni e si affidano al senso comune.

Probabilmente per noi è impensabile cambiare i nostri indumenti così di rado. Ma è, forse anche una questione di cultura. Inoltre, le raccomandazioni che riguardano soprattutto germi e batteri per noi sono all’ordine del giorno.

Chissà se lo stesso si può dire del popolo statunitense. Stando a questa ricerca, sembrerebbe proprio di no!

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Supponiamo che tu stia bene con questo, ma puoi annullare l'iscrizione, se lo desideri. Accetta Leggi Tutto