-2 C
Monaco di Baviera
giovedì, Gennaio 21, 2021

Bollo auto, addio: si pronuncia la Corte di Cassazione

Bollo auto: gli automobilisti potrebbero non doverlo più pagare. A dirlo è una sentenza della Corte di Cassazione, la decisione alle regioni

Da non perdere

Bollo auto da pagare? La Corte di Cassazione ha legiferato di recente per il suo addio definitivo. Un escamotage possibile grazie all’autonomia concessa alle regioni.

Sarà infatti compito loro decidere se mantenere o eliminare questa tassa. A loro, spetterà L’ardua decisione su: abolizione, riduzione o aumento della tassa di possesso sull’auto.

E’ stato il giudice della Corte Luca Antonini a rendere realtà una delle speranze più diffuse tra gli italiani. E mentre si continua a discutere di questo provvedimento, già si schierano le varie parti politiche in merito.

Il Presidente del Consiglio si dice favorevole all’abolizione di una tassa ingiusta che grava sulle tasche degli automobilisti. E questo malgrado l’imposta sia un introito molto importante per lo Stato.

Il Bollo auto impoverisce gli automobilisti italiani che smetteranno di pagarlo

Una notizia presa con molta soddisfazione da parte di chi ha sempre pagato la tassa. E anche da chi non l’ha fatto e magari può usufruire della Pace Fiscale. Il bollo auto da sempre è stata una imposta non troppo amata dagli automobilisti che già fanno i conti con le contravvenzioni, il rincaro del carburante e tutti i costi per la manutenzione e l’assicurazione delle auto.

Sopraggiungono però dubbi importanti in merito alla pronuncia della Corte di Cassazione. Non sono stati ancora definiti i modi e le tempistiche di questo provvedimento. E la preoccupazione cresce in merito ai possibili aumenti.

La Cassazione ha però stabilito alcuni limiti rispetto all’aumento della tassa di proprietà sull’auto. Ricordiamo che nel corso degli ultimi 5 anni lo Stato ha incrementato le sue entrate grazie al pagamento del bollo auto.

Duecento milioni di euro sarebbero i crediti entrati nelle casse statali ogni anno grazie agli aumenti apportati annualmente. In attesa che il provvedimento diventi operativo, si spera che le regioni scelgano la via dell’abolizione.

Non perderti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Leggi anche