Cani blu, il mistero degli avvistamenti in Russia

Un fatto misterioso sta accadendo in Russia riguardo a dei cani blu. Sembra che ultimamente siano stati intravisti dei cani blu e verdi, e questo fatto sta facendo turbare gli esperti. Il tutto accade nelle vicinanze di alcuni impianti chimici in disuso.

Lo strano fenomeno dei cani blu  verdi e rosa

Cani dal pelo blu in Russia

Il manto dei cani può avere molte tonalità, ma le notizie che stanno arrivando dalla Russia, hanno attirato decisamente l’attenzione del mondo dei social. Se in un primo momento si poteva pensare a qualche razza di sconosciuta, in breve tempo l’ipotesi è stata scarta. Sembra infatti che come causa ci siano una motivazione puramente scientifica.

Attraverso il “Vkontakte” (la controparte russa di Facebook), verso metà febbraio erano uscite diverse immagini di alcuni cani con la pelliccia di colore blu. A quanto risulta, gli animali erano stati visti aggirarsi nelle vicinanze di alcuni edifici abbandonati dove un tempo si producevano sostanze chimiche.

L’azienda in questione , Dzerzhinskoye Orgsteklo, si trova nella regione Nizhny Novgorod (circa 400 chilometri ad Est di Mosca), ed un tempo era una grande fabbrica produttrice di diversi materiali, quali acido cianidrico e plexiglass. Inoltre utilizzava il solfato di rame.

La motivazione scientifica dietro la colorazione dei cani e gli esami

Il composto chimico a base di rame zolfo e ossigeno, sembra sia l’unica motivazione della colorazione dei randagi.
A parlarne di questa ipotesi è quello che un tempo era il responsabile dello stabilimento , Andrey Mislivets, il quale incalzato dai media russi ha dichiarato:

“Forse in uno degli edifici abbandonati i cani hanno trovato una sostanza chimica come il solfato di rame, e ci sono rotolati dentro”.

In questo i cani blu sono stati tutti recuperati e trasportati presso il Lobachevsky Research Institute of Chemistry, dove gli esaminatori stanno studiando l’effetto per capire le cause dell’insolito fenomeno.
Ad una prima valutazione, i veterinari hanno notato che in ogni caso gli animali sono in buone condizioni e che non ci sarà alcuna ripercussione sulla propria salute. Gli esami eseguiti finora non hanno rivelato alcuna sostanza tossica, oppure irritante sul corpo degli animali.

Ma non solo cani blu, anche cani rosa e verdi

Sembra però che non ci siano solamente cani dalla pelliccia blu, anzi nei giorni seguenti sono stati individuati altri randagi, con la pelliccia di un altro colore: rosa.
La zona del ritrovamento è sempre la stessa ,Dzerzhinsk, questa volta però si tratta di una discarica chimica dai tempi della guerra fredda e non di vecchie fabbriche abbandonate.
Sul posto sono state rinvenute 30.000 tonnellate di rifiuti tossici.
L’allarme in ogni caso si sta decisamente allargando, in quanto i casi sembrano moltiplicarsi un po dappertutto.

Nella città di Podolsk, sono stati avvistati invece cani dal manto di colore verde.
Ad intervenire in questo caso è il ministro dell’agricoltura Sergei Voskresenskiy , che cercando di tranquillizzare le persone, ha affermato che gli animali devono aver trovato alcuni pacchi di vernice verde, presenti all’interno di un magazzino in disuso nella quale i cani avevano cercato riparo.

Ma in ogni caso, anche se le colorazioni possono risultare curiose o altro, e bene ricordare che si tratta comunque di sostanze chimiche, che a lungo andare possono causare problemi agli animali.
Il capo dell’Unione Russa delle organizzazioni cinologiche Vladimir Urazhevsky ha affermato infatti, che più a lungo stanno a contatto con questo genere di sostanze, più il loro olfatto verrebbe danneggiato, causandogli cosi senso di disorientamento fino alla morte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*