Take a fresh look at your lifestyle.

Pericolo alluminio: Non incartate i panini

Il ministero della salute mette al corrente dei rischi che si possono avere, nell'incartare i panini con i fogli di alluminio per cucina, quindi fate molta attenzione se siete abituati a incartare i panini dei vostri figli.

0

Incartare panini nell’alluminio da cucina è pericoloso

Pericolo alluminio per quanto riguarda la conservazione dei cibi, sia crudi che cotti. Dopo il servizio di Striscia la notizia, il ministero della salute conferma la pericolosità per la salute, riguardante la tanto conosciuta carta stagnola. Da ricerche fatte, sembra che la carta di alluminio, tenda a lasciare traccia nei cibi, che siano cotti, crudi e sopratutto cucinati al cartoccio.

Da cosa nasce il tutto? Ieri sera, la trasmissione satirica più seguita in tutta Italia (Striscia la notizia), ha rilasciato un servizio dove metteva in evidenza, il rischio che può causare la famosa e utilizzata carta argentata con la quale, siamo abituati ad utilizzare per conservare i nostri alimenti. L’intervista è stata fatta al vice ministro della salute Pierpaolo Sileri, il quale confermava la pericolosità effettiva della carta stagnola.

Da dove nasce il pericolo della carta stagnola?

Da quanto è emerso, sembra che l’alluminio, rilasci particelle microscopiche in tutti quegli alimenti ritenuti acidi come limone e pomodoro. Non solo, Gli stessi produttori sconsigliano vivamente di utilizzare questo accessorio da cucina per conservare determinati alimenti. La cosa però che lascia noi dubbiosi, è per il fatto che sulle confezioni della carta stagnola, viene consigliato il suo utilizzo, per la cottura dei cibi al cartoccio, nonostante i risultati fatti in laboratorio, sembrano confermare l’esatto contrario. I risultati ottenuti da tale ricerca, sembra che la cottura di alimenti come carne e pesce, con le alte temperature, la carta stagnola tendana con più facilità a rilasciare microparticelle all’interno degli stessi alimenti.

Considerando che l’alluminio è un metallo tossico, sono stati imposti dall’efsa, dei limiti massimi di esposizione alla persona, in base al suo peso corporeo. Detto ciò, se una persona pesa 50 kg, il limite massimo di assunzione verso questo metallo, non dovrebbe mai superare i 50 milligrammi alla settimana. Questa importantissima conferma è stata data dalla professoressa Paola Fermo.

Perchè l’argomento del pericolo alluminio adesso?

Di questo argomento, nel 2018 era stato chiesto di provvedere sul pericolo alluminio, ma da quanto sembra in base a fonti autorevoli, il caso era stato accantonato. Solo dopo l’intervista fatta dalla trasmissione di canale 5, il discorso è stato ripreso in mano, confermando la pericolosità sulla nostra salute. Ora sembra che si voglia chiedere alle aziende produttrici della carta stagnola maggior chiarezza e che tale pericolosità, venga riportata sopra ogni confezione. Il motivo di tale richiesta è proprio per aiutare noi consumatori, all’utilizzo corretto, proprio per evitare rischi che potrebbero compromettere la salute di tutti noi, specie per i nostri figli dato l’utilizzo che giornalmente molti fanno per incartare panini con l’alluminio.

Dopo quanto detto e confermato da organi competenti, è giusto sapere che vi sono metodi di conservazione e di cottura alternativi sicuri per la nostra salute. E’ possibile conservare i cibi nel nostro frigorifero, in contenitori di plastica adatti ad alimenti, mentre per quanto riguarda la cottura in forno, a sostituzione delle vaschette di alluminio, sono disponibili le famose pirofile in vetro.

Visto che alla base di tutto, la nostra salute è molto importante, impariamo ad utilizzare metodi alternativi sicuramente meno conosciuti ma certamente più sicuri.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More