Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

Cucciolo di bradipo fissa dolcemente la telecamera

Un tenero scatto diffuso da The Sloth Sanctuary of Costa Rica mostra in primo piano un cucciolo di bradipo che fissa teneramente l'obiettivo. The Sloth...

Decreto di aprile 2020 prevede: reddito di emergenza, bonus e licenziamenti sospesi

Tra i diversi punti presenti nella bozza del Decreto di aprile, slittato per la sua approvazione ufficiale a maggio, figurano una serie di bonus ed altri incentivi per sostenere i cittadini colpiti dagli effetti economici della pandemia da Coronavirus. Nel Decreto di aprile, che accompagnerà la fase 2 della ripartenza post lockdown, sono state introdotte alcune novità rispetto al precedente Decreto Cura Italia.

Si tratta di un totale di 44 articoli che hanno per tema il sostegno dei redditi e la protezione del lavoro. Si tratta di provvedimenti quali: il reddito di emergenza; gli ammortizzatori sociali; i bonus con allargamento dei requisiti per il Reddito di cittadinanza; la sospensione dei licenziamenti per giusta causa; i congedi speciali per i genitori; il bonus baby sitter.

Per quanto riguarda il Reddito di emergenza (Rem), si tratta di una misura di sostegno al reddito per i nuclei familiari in difficoltà per l’emergenza da Covid-19. Questo contributo previsto a decorrere dal mese di maggio 2020 è valido fino a 3 mesi. Le domande per il Rem possono essere presentate fino al mese di luglio 2020. Mentre il suo importo oscilla dai 400 euro mensili ad un massimo non superiore a 800 euro, il Rem si erogherà per tre mensilità a partire dal mese di presentazione della richiesta.

Questo sostegno economico si rivolge ai nuclei familiari in possesso dei seguenti requisiti: residenza in Italia del richiedente il beneficio; valore del reddito familiare, nel mese precedente la richiesta e per ogni mensilità che precede le erogazioni, inferiore alla soglia pari all’ammontare del contributo; valore del patrimonio mobiliare familiare per l’anno 2019 inferiore a 10.000 euro, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente per un massimo di euro 20.000; Indicatore della situazione economica equivalente (Isee) inferiore a 15.000 euro.

Il Decreto di aprile propone la sospensione dei licenziamenti per giusta causa per altri 3 mesi, con tale motivazione: “il datore di lavoro che, indipendentemente dal numero dei dipendenti, nel periodo dal 23 febbraio 2020 al 17 marzo 2020 abbia proceduto al recesso del contratto di lavoro per giustificato motivo oggettivo” può “revocare in ogni tempo il recesso purché contestualmente faccia richiesta del trattamento di cassa integrazione salariale in deroga” dalla data in cui abbia avuto esecuzione il licenziamento. “In tal caso, il rapporto di lavoro si intende ripristinato senza soluzione di continuità, senza oneri né sanzioni per il datore di lavoro”.

Decreto di aprile 2020: le altre indennità

Nel Decreto di aprile è stata introdotta l’indennità per i figli che diventa di duemila euro per medici ed infermieri. Si è proposta anche una detrazione fiscale da 300 euro per i centri estivi dei ragazzi fino a 16 anni, così le spese sostenute nel 2020 dalle famiglie con redditi non superiori ai 36 mila euro potranno essere dedotte.

Si prevede poi nel Decreto di aprile, per i liberi professionisti titolari di partita Iva l’erogazione anche per il mese di aprile dell’indennità pari a 600 euro. Che spetta anche ai lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, iscritti alla Gestione separata, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie.

I liberi professionisti titolari di partita Iva, iscritti alla Gestione separata, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che abbiano subito una comprovata riduzione di almeno il 33% del reddito del secondo bimestre 2020, rispetto al reddito del 2019, riceveranno un’indennità di 1000 euro a maggio.

Ai lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, iscritti alla Gestione separata, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che siano titolari di rapporti di lavoro fino al 31 dicembre 2020, o che abbiano cessato il rapporto di lavoro entro la data di entrata in vigore del decreto, è riconosciuta dal Decreto di aprile un’indennità pari a 1000 euro.

Il governo ha incrementato il bonus baby sitting che sale da 600 a 1200 euro e si estende anche all’iscrizione ai servizi integrativi per l’infanzia, ai servizi socio educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa, ai servizi integrativi oppure innovativi per la prima infanzia. 

Il Decreto di aprile destina ai lavoratori domestici (colf e badanti), che alla data del 23 febbraio 2020 risultano impegnati in contratti di lavoro per una durata non superiore a 20 ore settimanali, un’indennità mensile pari a 400 euro, per ciascun mese.

Mentre ai lavoratori domestici coinvolti in uno o più contratti di lavoro dalla durata superiore a 20 ore settimanali, spetta un’indennità mensile pari a 600 euro, per ciascun mese. Si precisa che tali contributi sono riconosciuti solo se i lavoratori domestici non risultano conviventi con il proprio datore di lavoro, e che si sia verificata una reale riduzione di almeno il 25% dell’orario di lavoro.

Chi si avvale di un ammortizzatore sociale potrà lavorare nei campi, stipulando un contratto di 30 giorni, da prolungare per un altro mese, con i datori di lavoro appartenenti al settore agricolo. Il Decreto di aprile spende parole anche sull’obbligo delle mascherine protettive che dovranno essere indossate da tutti, se sul luogo di lavoro non si potrà mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro.

Non perdetevi l’articolo pubblicato giorno precedenti, riguardo al via della fase 2 che partirà dal 4 maggio.

Must Read

Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

Cucciolo di bradipo fissa dolcemente la telecamera

Un tenero scatto diffuso da The Sloth Sanctuary of Costa Rica mostra in primo piano un cucciolo di bradipo che fissa teneramente l'obiettivo. The Sloth...

Related Articles

Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here