Ecco come l'umore influenza la salute

Ecco come l’umore influenza la salute

Diverse conferme suggeriscono che l’umore influenza la salute anche in modo pesante. Determina a volte lo sviluppo di condizioni di tipo patologico. Diverse analisi svolte in campo psicologico hanno evidenziato come il dolore sia relazionato in una certa misura con la stessa percezione ed anche con il proprio stato d’animo.

Sono diverse le condizioni patologiche che hanno un’origine psicologica anche se è difficile spesso individuare i meccanismi attraverso i quali l’umore influenza la salute. Quando è difficile riuscire a chiarire le cause di una condizione patologica si prendono in considerazione diversi fattori tra cui quelli: sociali, cognitivi, fisiologici e comportamentali. Dopo questo passaggio per un inquadramento più specifico si devono anche individuare i meccanismi che hanno una correlazione indiretta o diretta nei confronti della malattia.

Diverse conferme scientifiche rivelano che le emozioni possono incidere sul funzionamento fisiologico del corpo. In particolare le emozioni negative espongono ad uno stato di maggiore vulnerabilità che porta all’insorgenza di infezioni e di patologie, incidendo anche sulla loro durata e sugli stessi processi di guarigione.

La spiegazione di tale legame potrebbe dipendere dal fatto che un umore positivo stimola la secrezione di immunoglobina secretoria A, un anticorpo che coadiuva le difese immunitarie. In base a tale dato si spiegherebbe dunque come l’umore influenza la salute in modo decisivo, poiché tende ad aumentare o ridurre la stessa risposta del nostro sistema immunitario.

Altri dati scientifici segnalano che le persone con uno stato mentale negativo o che vivono un periodo di forte stress per lungo tempo, risultano più sensibili al freddo. Ma al tempo stesso presentano una più bassa resistenza nei confronti delle malattie severe. In più, le emozioni condizionano anche i pensieri. Come conseguenza uno stato mentale negativo favorirebbe l’elaborazione di pensieri negativi che riconoscono ed interpretano i sintomi fisici come un problema per la salute.

L’umore influenza la salute

Diverse indagini sperimentali illustrano come l’umore influenza la salute in quanto le persone con un umore negativo sono più attente alle sensazioni del loro corpo. Nello specifico chi è più attento alle reazioni del corpo ed alla propria salute è più propenso a consultare il parere medico rispetto agli altri individui.

Ma gli studi al riguardo sono discordanti, secondo alcuni si dimostrerebbe il contrario. Nel senso che hanno avuto modo di appurare che le persone che stanno peggio a livello emotivo sono meno inclini a richiedere l’assistenza sanitaria e quindi non si rivolgono spesso al proprio medico. Si tratterebbe di una sorta di rassegnazione in quanto considerano che non si possa far niente per loro per stare meglio.

In alcuni casi, le persone sono portate ad attribuire i sintomi al proprio umore quindi rimandano gli appuntamenti con il medico. Diversamente, quando una persona sta bene dal punto di vista emotivo si sente più sollecitata a stare in salute ma anche a prendersi cura di sé. Ecco un’altra relazione che spiegherebbe come l’umore influenza la salute in modo decisivo e condizionante.

Esiste poi un altro legame diretto tra l’umore, la ricerca di cure mediche e la stessa capacità di affrontare le notizie negative. Sostanzialmente chi si rivolge al parere di un medico è pronto ad esporsi ad una possibile minaccia, rappresentata proprio da un responso negativo sul suo stato di salute. Invece se il proprio umore è positivo si è soggetti a gestire meglio le informazioni ricevute perché si sarebbe dotati di maggiori risorse mentali.

Il mondo della scienza con i suoi numerosi studi sperimentali e le tante indagini di laboratorio avvalora la tesi secondo cui l’umore influenza la salute, avendo modo di giocare un ruolo sia positivo sia negativo con risvolti anche gravi che possono sfociare in alcune condizioni patologiche serie.

Articolo Precedente

Opinionista, ma quanto ci costi? I 7 opinionisti più pagati

Articolo Successivo

Preparare le polpette svedesi con la ricetta segreta di Ikea