Home Notizie curiose Gatti giganti: il mondo visto da un artista se ci fossero felini più grandi

Gatti giganti: il mondo visto da un artista se ci fossero felini più grandi

0

Il mondo popolato da Gatti giganti

Il mondo del web è pieno di felini che hanno catturato l’attenzione di migliaia di persone. Sono i sovrani della rete, e la loro presenza è una costante all’interno dei social.

Stiamo parlando dei Gatti. inseparabili compagni di vita di tante persone.

Le curiosità che girano sui gatti sono tantissime, ma una in particolare sta prendendo vita tra i vicoli dei social. Tutto frutto di una teoria fatta da un giovane artista di origini Russe:

E se il mondo fosse abitato da gatti giganti? magari alti tre metri?

Volete sapere di più su questa assurda teoria? bene allora eccola qui!

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

How to go to hell? ⠀ Option 1. Draw a pentagram. To do this, you’ll need several basic elements: a large compass, a ruler, a clean floor, 150 ml of blood. With a compass and a finger, soaked in blood, draw a circle and divide its circumference into 5 equal segments. Then the only you need is to connect them with straight lines like a star. Whip up the spell. You’re gorgeous! ⠀ Option 2. When leaving the car, do not remove your hand. Let the passenger shut the car door on your finger. ⠀ Fingernail, farewell! ⠀ – – – – – – – -⠀ ⠀ Как попасть в ад? ⠀ Вариант №1. Нарисуйте пентаграмму. Для этого вам потребуется несколько основных элементов: большой циркуль, линейка, чистый пол, 150 мл крови. С помощью циркуля и пальца, вымоченного в крови, изобразите круг и разделите его окружность на 5 равных отрезков. Затем останется лишь соединить их прямыми линиями наподобие звезды. Прочитайте заклинание. Вы великолепны! ⠀ Вариант №2. Выходя из автомобиля, не убирайте руку. Позвольте попутчику захлопнуть дверь на вашем пальце. Ноготь, прощай!

Un post condiviso da Andrey Shcherbak (@odnoboko) in data:

La teoria sui gatti alti 3 metri di Andrey Scherbak

Come abbiamo detto, questo giovane ragazzo russo ha ipotizzato una teoria interessante.. ma non si è limitato solo ad esporla a parole tramite post sui social. No anzi. ha fatto molto di più.

Ha giocato con le immagini, e le ha messe sul web alla portata di tutto.

E noi abbiamo deciso di raccoglierne un pò per farvi divertire!

Ma com’è partita tutta questa ”campagna” pro gatti giganti? cosa ha portato la sua mente a creare qualcosa di.. cosi assurdo?

In una recente intervista alla testata Bored Panda, Andrey Scherbak spiega che l’idea è cominciata quasi per caso.

Ecco le sue dichiarazioni:

“Stavo guardando un album fotografico e una foto che avevo scattato in una foresta durante un ritiro aziendale attirò la mia attenzione”, ha spiegato. “È così che è nata l’idea. Mi è piaciuta, quindi ho scattato un’altra foto con l’intenzione di inserirvi un gatto”. Si sa, i gatti stanno bene su tutto.

Ho deciso di creare un account Instagram pieno di immagini solo di me e dei gatti perché non è molto diverso dalla realtà in cui vivo. Conduco uno stile di vita piuttosto isolato”.

In pochissimo tempo un vero è proprio boom di sull’account Istagram, che ha visto fino ad oggi raccogliere ben 20.000 follower.

In poco tempo ha catturato l’attenzione su Istagram

Istagram è letteralmente impazzito. Ogni giorno l’account di Andrey riesce a catturare l’attenzione di numerose persone, che condividono le sue foto a non finire.

Forse perchè questi graziosi gatti hanno un aspetto tenero, che fa sciogliere decisamente il cuore di chiunque.

Ma Andrey non ha creato l’account sotto il suo vero nome, bensì sotto lo pesudonimo di Peteckha Odnobokov.

L’artista vive a Rostov-sul-Don e come lavoro è un direttore creativo di un’agenzia pubblicitaria di Mosca.

Andey sempre parlando con i media locali, ha affermato che il suo non è un semplice hobby, ma è un vero appassionato di animali. Sopratutto quelli più bisognosi.

“Ho due gatti, un maschio e una femmina. Il gatto maschio si chiama Pif e l’ho preso da un rifugio per animali quando aveva già 5 anni.

La gatta si chiama Panya e l’ho trovata per strada. Adesso ha 6 anni ed è autistica.

Ho anche un Labrador di nome Rooney che ha 3 anni e che può essere visto in alcune delle mie foto. Tutti i miei animali domestici vanno molto d’accordo tra loro”. Quelli in foto, però non sono i suoi gatti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Казалось бы, какая связь между помидорами и любовью? ⠀ В прошлом помидорам приписывалось удивительное свойство: способность оказывать настоящее любовное воздействие. Такой вывод можно сделать, прознав имя помидора в древности: pomme d’amour («пом д’амур») — яблоко любви, или амурное яблоко. Поэтому в следующий раз, когда захотите сделать своей половинке незабываемый романтический вечер, захватите в постель вместо клубники помидоры со сливками. ⠀ ⠀ ⠀ #ростов #кот #ростовскаяобласть #rostov #StreetArt #Art #9gag #cat #cats #yourcatphoto #meowbox #bestcataward #catsareawesome #ilovemycats #catsclub #meow #meowmeow #meowbox #pleasantcats #cute #kitty #сutecat #bestmeow #WeWantCatsWC #meowed #TheDodo #twitterweek #COICommunity #COIBowTie

Un post condiviso da Andrey Shcherbak (@odnoboko) in data:

Due gatti giganti decisamente vivaci!

Andrey ha affermato che Panya e Pif, sono decisamente vivaci, ed è piuttosto complicato riuscire ad immortalarli in una delle sue fotografie.

I gatti che potete guardare in queste foto, sono tutti opera di una minuziosa e attenta ricerca nella rete.

Oltre a cercare i soggetti adatti, sembra che creare dei fotomontaggi cosi realistici porti via parecchio tempo, e molta concentrazione.

Infatti Andrey si è dichiarato molto orgoglioso di quello che è riuscito a creare dopo tanto duro lavoro.

“Posso finirne alcuni in un’ora, ma ci sono volte in cui ho più difficoltà e devo ricominciare tutto da capo. In media, ogni foto mi richiede circa 4 ore per essere montata.

Raramente vedo persone, tranne la mia ragazza e i miei genitori”, Ma tutto questo cosa gli ha portato?
Ovviamente tantissima popolarità e fama, oltre a migliaia di follower sui social.

© Riproduzione riservata

Leggi anche:  Esiste il rischio di non ritrovarci più banane sulle nostre tavole

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here