Home Tutto lifestyle Influenza 2019: contagiati 143 mila italiani in 7 giorni

Influenza 2019: contagiati 143 mila italiani in 7 giorni

0

Influenza 2019: il virus ha già colpito tre regioni

Influenza 2019 – I più colpiti sono come ogni anno i bambini da 0 a 4 anni, con un’incidenza di 5 casi su 1000 assistiti e percentuali inferiori con l’innalzamento dell’età.

Secondo quanto diramato dal bollettino dell’Istituto superiore della sanità, il numero di ammalati stimati è di circa 143 mila persone. Un’incidenza, dall’inizio del periodo di sorveglianza, pari a 2,3 casi ogni 1000 assistiti.

Piemonte, Lombardia e Abruzzo, sarebbero le tre regioni in cui il virus sembra aver costretto più persone a letto nella settimana tra l’11 ed il 17 novembre 2019.

E se questa sembra assumere tanto i contorni di una parainfluenza, il virus che girerà sotto le feste sarà una vera e propria influenza, Thailandese.

Il virus che è già stato isolato, ha segnato il primo caso a Perugia, dando il via alla sindrome invernale per eccellenza. I pediatri sembra stiano già allertando i loro assistiti per ricorrere ai vaccini e non sottovalutare il ceppo influenzale.

Influenza 2019: nessun pericolo per i vaccini antinfluenzali

Intanto, rispetto alle vaccinazioni, l’Agenzia Italiana del Farmaco avrebbe risposto ad una associazione di pazienti allergici al lattice. La segnalazione viene a seguito dell’allerta su 7 vaccini, sui quali vi sarebbe potuta essere una contaminazione sui contenitori.

A quanto pare, non vi sarebbe nessun contatto e Aifa avrebbe fatto bene a smentire e consentire così ai soggetti allergici di poter accedere al vaccino antinfluenzale.

Nel frattempo non resta quindi che prestare attenzione a tutto ciò che potrebbe in un qualche modo contagiarci. Niente baci ai bambini più piccoli, un’igiene più accurata su asciugamani e indumenti condivisi in casa.

Il virus quest’anno sembra non sia dissimile dagli altri anni, con picchi di febbre alta e interessamento delle prime vie aeree.

Ricordiamo che le categorie più esposte sono i bambini sotto i 4 anni e gli anziani over 65. Meno preoccupazione per le fasce 5-14 anni e 15-64 anni.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here