Investiti da una pattuglia di polizia a Roma

Investiti da una pattuglia di polizia a Roma

Una famiglia di tre persone, a bordo della propria automobile, è stata travolta da una pattuglia di polizia di Roma impegnata in un inseguimento, ora la procura apre un inchiesta con l’accusa di omicidio stradale.

Una famiglia composta dai genitori più la figli, era a bordo del proprio mezzo, quando una pattuglia di polizia stradale che in quel momento stava inseguendo dei presunti rapinatori, è piombata addosso a loro travolgendoli. L’incidente ha causato il ferimento dei due genitori, e la morte della figlia di appena 14 anni. Ora la procura di Roma ha deciso di aprire un’inchiesta per accertare i fatti e capire la dinamica dell’incidente. Sul tavolo l’ipotesi di omicidio stradale.

L’incidente con la pattuglia di polizia, ha provocato il decesso della figlia

Una delle varie ipotesi che gli inquirenti stanno valutando e che durante l’inseguimento che ha coinvolto una pattuglia di polizia stradale nei confronti dei rapinatori in fuga, l’auto dei malviventi abbia speronato il mezzo delle forze dell’ordine facendogli cosi perdere il controllo sulla strada e provocando l’incidente mortale. Questa ipotesi però potrà essere solamente accertata dopo le verifiche del caso.

L’ipotesi degli inquirenti

Al momento però non ci sono certezze, anche se gli inquirenti affermano che le automobili stavano andando a velocità elevata e che la strada era molto stretta, quindi è plausibile che siano queste le cause dell’incidente. Il Pm che si occupa del caso ha disposto immediatamente all’apertura di un procedimento per comprendere la dinamica dei fatti.

Le forze dell’ordine si sono attivate nel inseguimento del mezzo, dopo una telefonata ricevuta da parte del padre di una tabaccaia poco prima rapinata. Il bottino risulta essere 2 scatole di sigarette dal valore di 4000 euro.

L’automobile in fuga aveva forzato già un posto di blocco

Secondo alcuni dettagli, i due criminali a bordo, a quanto risulta, erano riusciti a forzare un posto di blocco nella complanare dell’autostrada A2. La fuga si è protratta a lungo prendo la diretrice che collega Roma a L’Aquila nel casello di Castel Madama. Dopo aver preso l’uscita Ponte di Nona, gli agenti della polizia stradale, hanno cominciato l’inseguimento vero e proprio, ma non è bastato per arrestare i due.

L’automobile dei due criminali è stata ritrovata, e in questo momento gli agenti della scientifica stanno eseguendo gli esami di rito nella ricerca di indizi utili che possano aiutarli a trovare i malviventi

Articolo Precedente

Orietta Berti bloccata dalla Polizia: L’inseguimento prima di Sanremo 2021

Articolo Successivo

Spari a Tor Bella Monaca: un sabato di sangue