AstraZeneca

La Danimarca sospende il vaccino AstraZeneca: “Casi di coaguli nel sangue”

La Danimarca sospende il vaccino AstraZeneca a causa di alcuni problemi riguardanti la salute dei cittadini. In particolare, dopo la somministrazione del vaccino, si sono presentati delle anomalie collegate a coaguli di sangue e problemi nella circolazione. Così, in via precauzionale il siero è stato bloccato anche in Islanda e in Norvegia, in attesa di notizie positive.

A rendere ufficiale la notizia sono state la autorità, le quali hanno voluto chiarire che: “Al momento non è stato determinato che ci sia un legame tra il vaccino e i coaguli di sangue”. Un caso sospetto è avvenuto anche in Austria dove una donna è morta per embolia polmonare, così da sospendere già da domenica scorsa i richiami.

In particolare, stiamo parlando di un lotto preciso di vaccini: il numero ABV5300. Proprio quest’ultimo è stato distribuito in circa 17 Paesi: Bulgaria, Cipro, Francia, Grecia, Islanda, Irlanda, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Spagna e Svezia. L’Estonia, Lussemburgo, Lituania e Lettonia hanno anch’essi deciso di fermare le somministrazioni ai cittadini.

La Danimarca sospende il vaccino AstraZeneca: “Casi di coaguli nel sangue”

Subito si sono mosse tutte le autorità più competenti per indagare se esista o no un collegamento tra le patologie e il lotto distribuito. Allo stesso momento l’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, ha evidenziato come i problemi di coagulazione non sono presenti nei possibili effetti collaterali del siero AstraZeneca.

AstraZeneca

La casa farmaceutica si è esposta subito in riguardo:” Siamo a conoscenza della dichiarazione rilasciata oggi dal Sundhedsstyrelsen secondo cui stanno attualmente indagando su potenziali eventi avversi correlati alla vaccinazione contro Covid-19″. Continua il comunicato:” La sicurezza del paziente è la massima priorità per AstraZeneca. I regolatori hanno standard di efficacia e sicurezza chiari e rigorosi per l’approvazione di qualsiasi nuovo medicinale, compreso il vaccino anti-Covid di AstraZeneca”.

Conclude:” La sicurezza del vaccino è stata ampiamente studiata in studi clinici di fase III e dati sottoposti a revisione paritaria confermano che il vaccino è stato generalmente ben tollerato“. Anche l’Agenzia Italiana del Farmaco, in collaborazione con il Nas, sta eseguendo le varie verifiche. Nel frattempo, l’Aifa ha indotto un divieto di somministrazione per il lotto seguente: numero ABV2856.

Articolo Precedente

Fabrizio Corona si taglia i polsi: Il folle gesto prima di tornare in carcere

Articolo Successivo

Ex marito di Ilenia Fabbri si difende, non ho pagato nessuno