Home Tutto lifestyle Lavarsi le orecchie secondo la scienza è sbagliato

Lavarsi le orecchie secondo la scienza è sbagliato

0

Tra i numerosi pensieri e dubbi che ci affliggono ogni giorno ce n’è uno che è sopratutto rivolto alla salute delle nostre orecchie: lavarsi le orecchie si o no? Usare il cotton fioc fa bene o è dannoso? Cosa possiamo fare per curare i nostri condotti uditivi ed eliminare il cerume? A tutti questi quesiti ha risposto la scienza. Le orecchie si puliscono da sole.

Eppure questa risposta va contro tutti gli insegnamenti che abbiamo avuto da parte di mamme e nonne, e che abbiamo trasmesso anche ai nostri figli.

Lavarsi le orecchie in maniera giusta

Come sappiamo  le orecchie sono particolarmente delicate. E se le consideriamo poco rischiamo di avere gravissimi problemi come un timpano perforato, funghi, infiammazioni o fastidiose infezioni.

Tutti questi problemi difficilmente riusciamo a curarli in tempi piuttosto brevi (ovviamente non abusate di antidolorifici). Una cosa però è sicura: bisogna evitare che si accumulino grandi quantità di cerume nelle orecchie, anche se la loro funzione è importantissima in quanto rendono impermeabile l’orecchio, difendendolo da eventuali batteri, funghi o microrganismi nocivi.

Basti sapere che il semplice movimento della mandibola basta per favorire l’eliminazione in maniera naturale del cerume, e che dentro le nostre orecchie alcuni invisibili peli sono in grado di offrire una azione di self-cleaning per cui le particelle della sporcizia vengono allontanate dal canale uditivo.

Se secondo voi questo processo naturale di auto-igiene non vi basta, gli esperti consigliano anche di provvedere alla cura delle orecchie nello stesso modo di come si lavano le mani, il viso o il corpo.

Come possiamo asciugarle?

E’ sconsigliato l’uso della carta igienica fai da te oppure degli asciugamani. Vi basta usare il phon con bassa temperature. Ovviamente riscaldatele tenendo distante almeno una decina di centimetri il phon!

Ma è efficacie per tutti?

Questa soluzione però potrebbe non essere sufficiente per alcuni soggetti che sono vittime di dermatiti o psoriasi. Dunque nell’ipotesi che si formi un tappo di cerume che rischia di causare una instabilità uditiva e meglio rivolgersi ad un otorinolaringoiatra.

Ricordiamo anche che i batuffoli di ovatta e i bastoncini di cotone rischiano di rimanere bloccati nelle orecchie. Se ci restano  a lungo, possono causare infezioni particolarmente gravi per la nostra salute.

© Riproduzione riservata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here