10 C
Rome
mercoledì, Novembre 25, 2020

Nel Mediterraneo ci saranno più mascherine che meduse

L'allarme proviene dagli ecologisti, presto nel nostro mare mediterraneo, a causa del coronavirus, ci saranno più mascherine che meduse

Leggi anche

Un preoccupante allarme degli ecologisti è stato lanciato da un’organizzazione ecologista francese. Denunciata la comparsa nei mari di mascherine anti Coronavirus. Secondo la previsione di Opération Mer Propre nel Mediterraneo presto ci saranno più mascherine che meduse.

Una conclusione a cui sono giunti partendo dalla constatazione della situazione di una grande quantità di questi rifiuti sulle coste e nei fondali francesi. La denuncia è stata fatta da una serie di scatti che rivelano la gravità degli episodi. Questi si stanno verificando non solo in Francia ma anche in Italia con l’abbandono indiscriminato sul suolo pubblico di mascherine e guanti. Un segno di degrado ma anche di noncuranza perché espongono al rischio di un eventuale contagio se il dispositivo di protezione individuale è stato indossato da malati di Covid-19.

L’allarme degli ecologisti dell’organizzazione è più che concreto, viste le foto scattate e subito rese note da Opération Mer Propre. E’ stata impegnata in varie operazioni di pulizia nei pressi di Antibes e nella baia del Golfe-Juan, situata sulla Costa Azzurra. Nel corso di tali operazioni i volontari hanno avuto modo di fare questa scoperta spaventosa. Hanno raccolto dai fondali un gran numero di mascherine e di guanti in lattice.

Per diffondere nel mondo questo grido di allarme degli ecologisti, le immagini scattate nel corso delle operazioni di pulizia sono state postate sulla pagina ufficiale Facebook di Opération Mer Propre. Si legge un commento alquanto critico sul comportamento umano: “Li stavamo aspettando, sono arrivati, ma non nel posto giusto…Le prime maschere sono apparse nel Mediterraneo”.

L’allarme degli ecologisti di Opération Mer Propre

Quello che si era preventivato qualche mese fa, appena esplosa la pandemia che ha portato ad usare in modo costante i dispositivi di protezione individuale, sta diventando una turpe realtà che vede riversare nel nostro ambiente e nelle acque dei mari dei nuovi rifiuti. Resta una costante: la mancanza di rispetto degli uomini nei confronti dell’ambiente.

Le cose non miglioreranno da qui a breve, vista la grande mole di mascherine da smaltire come rifiuto. Basti pensare ai dati rivelati da un’indagine dell’Ispra in cui si ribadisce l’ingente fabbisogno giornaliero di mascherine che si trasformerà in rifiuti. Queste le conclusioni pubblicate dall’analisi dell’Ispra:

“Utilizzando il peso medio di 11 grammi (che prende in considerazione tutte le tipologie di mascherine) e un fabbisogno intermedio di 37,5 milioni, si avrebbe una produzione giornaliera di circa 410 tonnellate. La produzione calcolata sino a fine 2020 (circa 240 giorni) si attesterebbe, pertanto, tra le 60.000 e le 175.000 tonnellate di rifiuti, con un valore sulla media di circa 100.000 tonnellate”.

Le mascherine nel nostro mare

L’allarme degli ecologisti segnala come questo nuovo tipo di rifiuto stia contribuendo ad incrementare il cosiddetto marine litter (rifiuti marini). Un fenomeno da attribuire alla responsabilità di tutti gli uomini che dovrebbero censurare tali comportamenti. Questi gesti portano ad aggravare il già critico livello di inquinamento dei mari e degli oceani. Per evitare questo scenario si dovrebbe sensibilizzare tutti a differenziare in modo corretto un rifiuto come la mascherina usa e getta, che deve essere gettata con le dovute accortezze nella spazzatura.

Dalle immagini pubblicate da Opération Mer Propre si ribadisce l’allarme degli ecologisti. Segnalano come i dispositivi di protezione individuale usati contro il Coronavirus finiscono per arrivare nei fondali marini insieme all’immancabile plastica delle bottigliette. La contaminazione delle acque è stata ribadita dal fondatore dell’associazione, Laurent Lombard. Con tono critico ha denunciato il degrado dei mari francesi.

Inoltre, lo stesso fondatore dell’associazione Opération Mer Propre prevede una situazione ancora più preoccupante. Tenendo conto del fatto che sono state acquistate più di 2 miliardi di mascherine, è probabile che presto ci saranno più mascherine che meduse nel Mediterraneo. Questa constatazione è alla base del recente allarme degli ecologisti francesi.

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -

Da non perdere

Le donne che amano bere secondo la scienza

E' la scienza a confermarlo: Le donne che amano bere sono più intelligenti! E lo studio di cui vi parliamo oggi, restringe ancora di...

Cuss Collar, il collare che traduce l’abbaiare in bestemmie

L'azienda MSCHF, di New York, specializzata nella produzione di gadget curiosi per cani ha ideato uno speciale collare per cani, in grado di parafrasare i...

La mentalità prepper scatenata dal Coronavirus

Fino ad oggi coloro che abbracciavano, più o meno consapevolmente, la mentalità prepper, intesa come sfruttare i tempi buoni per prepararsi a quelli cattivi,...

Mangiarsi le unghie: per la scienza sei perfezionista

Mangiarsi le unghie è molto diffuso e tante persone non si rendono neanche conto di farlo continuamente. Mangiarsi le unghie spesso l’abitudine è chiaramente...

I 10 motivi più frequenti dei litigi di coppia

Litigare con il partner è normale e può essere terapeutico. Se avviene spesso il rapporto si può incrinare, tra i motivi più frequenti dei...