Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

Cucciolo di bradipo fissa dolcemente la telecamera

Un tenero scatto diffuso da The Sloth Sanctuary of Costa Rica mostra in primo piano un cucciolo di bradipo che fissa teneramente l'obiettivo. The Sloth...

Neonati e stitichezza, 4 rimedi infallibili

La stitichezza è una condizione altamente invalidante per noi adulti. Figuriamoci quanto possa esserlo per i neonati, colpiti anche loro molto più di quanto immaginiamo. Proprio a quel punto iniziamo a vedere il nostro bambino piangere in maniera inconsolabile ed innervosirsi.

La defecazione inizia a non avere un ritmo regolare, le feci sono molto indurite e a forma di pallina. Questi sono i principali sintomi di un neonato con la stitichezza, evento che rende ansiosi anche i genitori. Niente paura! Si tratta di una situazione momentanea che può essere tranquillamente affrontata e risolta.

La stitichezza nei neonati, come si manifesta

Se sei mamma saprai indubbiamente che il cosiddetto “fattore cacca” è uno di quelli a cui si presta maggiore attenzione. Si tratta indubbiamente di una delle paure più grandi nel momento in cui i neogenitori si trovano a tu per tu con il proprio bimbo. Da una frequenza di defecazione molto elevata (fino a molto volte al giorno) si assiste col tempo ad una diminuzione. Ma che fare quando la riduzione è notevole? Quando si può parlare davvero di stitichezza?

Non è facile da dire, il parere fondamentale sarà poi quello del pediatra. Per non allarmarti troppo, comunque, sappi che non devi preoccuparti troppo se vedi che il tuo bimbo non defeca quanto nelle prima settimane di vita. Con la crescita il neonato perfeziona il riconoscimento dello stimolo e, dunque, defecare regolarmente.

Al terzo giorno di “pannolino pulito” puoi iniziare a pensare seriamente al problema ma sempre senza farti prendere dal panico! Controllare quanto siano compatte le rare feci del bimbo è importante dato che il primo campanello d’allarme è rappresentato da una defecazione dura e a palline.

Le cause della stitichezza nel neonato

Possono esistere diverse cause nella stitichezza dei neonati. Tra le principali, però, se ne possono citare 4:

  • la dischezia è tra le principali e si verifica soprattutto per i neonati più piccoli. Si tratta di una condizione normale che prende il via dal fatto che l’intestino non si è ancora formato del tutto e può, dunque, originare episodi di stitichezza;
  • se non ben tollerato anche il latte artificiale che somministriamo ai nostri figli può causare questo problema;
  • qualunque malformazione o alterazione anatomica, nonché le malattie congenite possono rendere stitici i neonati;
  • la stitichezza può stressare i neonati e portare alla paura di defecare.

Le cause, quindi, possono variare da un bimbo all’altro. Trovata quella che causa il problema in tuo figlio con il tuo pediatra potrai conoscere la soluzione più adatta al problema.

4 rimedi per la stitichezza nei neonati

La stitichezza nel neonato può trovare una valida soluzione in alcuni semplici rimedi di cui, comunque, è sempre bene parlare con il pediatra. Ricordiamo, inoltre, che una volta che il bambini inizierà a mangiare la frutta, il suo intestino verrà aiutato a regolarizzarsi.

  1. Se allatti al seno il tuo bambino puoi aiutarlo introducendo nella tua dieta una maggiore quantità di frutta e di fibre. Bere molto, inoltre, sarà un valido aiuto sia per te che, soprattutto, per il neonato. Se non allatti al seno, il pediatra potrebbe decidere di cambiare il latte artificiale perché non tollerato dal bambino.
  2. Tranquillizzare il tuo piccolo quando la stitichezza lo colpisce è importante. Per questo motivo si consiglia di massaggiare la zona immediatamente sotto all’ombelico con movimenti circolari usando dell’olio di mandorla. Allo stesso tempo il rilassamento potrebbe essere aumentato cantando una canzoncina al piccolo.
  3. Dopo i tre mesi di vita è possibile appoggiare i neonati in posizione supina per alcuni minuti. In questo modo si aiuta l’intestino ad eliminare, se presente, i gas intestinali presenti all’interno e che potrebbero infastidire non poco il bambino.
  4. Dato l’effetto positivo che fibre e vitamine hanno sull’intestino, potrai anche acquistare degli appositi integratori in farmacia, appositamente studiati per i neonati. Si tratta, principalmente, si integratori a base di vitamina B1, B6 e PP.

In conclusione

La stitichezza è, dunque, un evento che può interessare il tuo bambino sin dalla più tenera età ma che non ti deve mai fare agitare. Ricordiamo che per i neonati che assumono latte materno può essere normale defecare ogni 3 giorni specie nei primi 90 giorni. Se hai qualche dubbio in merito non concederti il lusso del fai da te modificando l’alimentazione del bimbo.

Il tuo latte, infatti, è il migliore tra gli alimenti che puoi somministrargli dato che contiene il lattulosio, indispensabile per favorire la regolarizzazione dell’intestino. Un cambiamento in questo senso è previsto solo per i neonati che si nutrono con latte artificiale dato che episodi di stitichezza sono per lo più legati ad un latte mal diluito o al fatto che si è passati, in maniera troppo precoce, alla dieta solida.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Must Read

Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

Cucciolo di bradipo fissa dolcemente la telecamera

Un tenero scatto diffuso da The Sloth Sanctuary of Costa Rica mostra in primo piano un cucciolo di bradipo che fissa teneramente l'obiettivo. The Sloth...

Related Articles

Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here