Take a fresh look at your lifestyle.

Nonno Basilio fa il vaccino e viene riempito di insulti

0 2

Oggi vogliamo raccontarvi la triste storia di nonno Basilio, un anziano di 103 anni. La sua storia fa capire quanto i social oggi giorno, sono diventati dei mezzi per ferire e denigrare.

Dalla loro nascita, i social sono entrati a far parte della vita quotidiana della maggior parte di noi. Spesso ci ritroviamo sulle piattaforme a leggere notizie di ogni genere, e a volte le commentiamo anche.
Sicuramente a qualcuno sarà capitato spesso sotto gli occhi qualche commento sgradito oppure espressione con toni decisamente forti e a tratti volgare.

Sarà forse la sensazione dell’anonimato a spingere alcune persone a dare il peggio di se attraverso il web, la possibilità di sentirsi liberi di esprimersi in qualsiasi modo convinti che niente possa nuocergli o toccarli.
Per alcuni soggetti è stato coniato il termine haters, che sta a indicare una categoria di persona che attraverso i social agisce per creare caos e odio.

Ed è proprio una storia di haters che oggi fa scalpore all’interno dei social. Soprattutto perché riguarda un argomento molto attuale e sensibile che oggi tocca tutti noi: il vaccino per il covid

Haters si scatenano ed insultano anziano di 103 anni

- Advertisement -

Assurda la storia che vede coinvolto malauguratamente un anziano di 103 anni residente in una Rsa del Mugello. L’uomo per tutti conosciuto come ”Nonno Basilio”, e finito nel centro del mirino da parte di alcuni haters che hanno deciso di sfogare la loro frustrazione ai danni dell’anziano.

Il motivo? e presto detto. Nei giorni precedenti, l’anziano aveva ricevuto come previsto il vaccino contro il covid, e questo non è andato giù a numerose persone, che hanno iniziato ad insultarlo e ad offenderlo in ogni maniera possibile ”Dovevi cedere la tua dose, ormai sei ad un passo dalla fine”, questo uno dei tanti messaggi social che hanno rivolto nei confronti dell’anziano conosciuto nella zona.

La risposta di Nonno Basilio agli odiatori

Nonno Basilio, ex macellaio è il più anziano della Toscana ad aver ricevuto il vaccino contro il virus, con alle spalle anche due anni di prigionia all’interno di un campo polacco durante il periodo del Terzo Reich, però non si è lasciato toccare minimamente dai commenti degli odiatori del web.
Anzi ha rilasciato una dichiarazione ai giornalisti che gli avevano chiesto un pensiero riguardo a tale vicenda:

“Per me non fa nessuna differenza. A 103 anni di vaccini ne ho fatti di tutti i colori e questo non aveva niente di diverso dagli altri. Se poi qualcuno scrive o commenta, io non ho proprio nulla da dire”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.