Orrore a Cabiate: i dettagli sulla morte della bimba di 18 mesi

Orrore a Cabiate: i dettagli sulla morte della bimba di 18 mesi

Queste sono le dichiarazioni del medico che ha eseguito l’autopsia sulla bimba di 18 mesi deceduta a Cabiate. I dettagli terribili della vicenda stanno scuotendo la cittadina in provincia di Como. Ad incastrare il compagno della madre, proprio gli esami eseguiti sul corpo ormai privo di vita della piccola.

La bimba di 18 mesi ha subito torture e sevizie

“È stata picchiata ripetutamente per giorni prima di morire”

Non era la prima volta che succedeva

L’autopsia ha svelato molti dettagli, tra cui un ematoma vicino all’orecchio e un trauma cranico. Per il medico legale però le botte non sono state l’unica sofferenza che la bambina ha dovuto sopportare.

“La piccola è stata picchiata nonché violentata in epoca prossima a quel tragico pomeriggio”

Sempre secondo il medico, le ferite sul corpo della bambina, sono certamente segni recenti e quindi essi hanno causato il decesso.

Al momento l’unico indagato risulta essere il compagno della madre, il quale conviveva con le due da appena tre mesi, e il giudice delle indagini preliminari ha già firmato l’ordinanza cautelare.

cosa è successo quel pomeriggio alla bimba di 18 mesi?

Non si sa ancora cosa sia accaduto di preciso in quei momenti, ma durante il pomeriggio con la madre a lavoro, era il compagno a tenere la piccola.

L’uomo durante la giornata ha telefonato allarmato perché la bambina non stava bene, e la donna preoccupata ha immediatamente avvisato la nonna chiedendogli di controllarla.

L’uomo di 25 anni ha accennato ad un incidente con la stufetta

“Ha pianto pochi minuti e poi si è addormentata sul divano quando ho tentato di svegliarla mi sono accorto che respirava a fatica e che aveva vomitato”

Mentre spiegava il tutto ai carabinieri, ha anche accennato di aver sentito un rumore alle sue spalle e di aver visto la stufetta a terra. Nonostante queste affermazioni però, l’autopsia ha smentito l’uomo sulle ferite che la bimba di 18 mesi aveva sul corpo.

Articolo Precedente

Calamari ripieni con mollica di pane

Articolo Successivo

Cosi cambia la Lombardia: si passa in zona arancione