Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

Cucciolo di bradipo fissa dolcemente la telecamera

Un tenero scatto diffuso da The Sloth Sanctuary of Costa Rica mostra in primo piano un cucciolo di bradipo che fissa teneramente l'obiettivo. The Sloth...

Sei over 40? Per la scienza devi lavorare solamente tre giorni a settimana

Gli over 40 devono lavorare poco

Una ricerca dal Giappone ha dimostrato che il cervello degli over 40 funziona meglio se viene ridotto il lavoro ad appena 25 ore settimanali.

Ad affermarlo è la scienza: Una volta che si sono superati i 40 anni bisogna dedicare meno tempo al lavoro. Vediamo assieme i risultati ottenuti da questo studio.

I ricercatori hanno valutato le capacità cognitive di 3.500 donne e 3.000 uomini australiani, ed hanno  incrociato questi dati con le loro abitudini per quanto riguarda il campo lavorativo.
Il risultato ottenuto non lascia alcun dubbio: andando oltre le 25 ore a settimana, il cervello di un soggetto 40enne comincia a prendere colpi.

Ovviamente questo non vuol dire che bisogna fermarsi del tutto, anche perché il riposo assoluto non è propriamente indicato, infatti  nemmeno i disoccupati sono riusciti a raggiungere punteggi alti.

La ricerca

I protagonisti di questa ricerca si sono offerti per essere sottoposti ad un test cognitivo sotto stress. I risultati migliori li ha ottenuti chi aveva lavorato per 25 ore a settimana.
Per quanto riguarda i disoccupati, invece hanno ottenuto un punteggio inferiore del 15-25%, seguiti poco dopo da chi aveva lavorato oltre le 40 ore.

A quanto sembra, sia lo stress che la fatica (fisica o psicologica ), possono compromettere l’efficienza del nostro cervello.

Che cosa significa?

Questo vuol dire che se vogliamo mantenere un cervello attivo, bisogna mantenere una sorte di equilibrio fra lavoro e vita privata.

Secondo i ricercatori bisogna dedicare almeno 3 giorni a settimana per il lavoro, mentre il resto dobbiamo concederlo ad altre attività

Lavorare appena tre giorni a settimana, in ogni caso è un obbiettivo piuttosto difficile da raggiungere: è proprio questo che genera lo stress nei 40enni di oggi, che sono una generazione definita ”sandwich”, perché si trova in mezzo alla cura dei propri figli ancora giovani, e quella dei genitori più anziani.

Cosa possiamo fare per il nostro cervello?

Se volete aiutare il vostro cervello a rilassarsi, e a ritornare funzionale come un tempo, il nostro consiglio è di consumare due bicchieri di vino oppure un pezzo di cioccolata. Altrimenti, cercate di convincere il vostro capo a fare una bella pausa!

Potrebbero interessarti anche:

Must Read

Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

Cucciolo di bradipo fissa dolcemente la telecamera

Un tenero scatto diffuso da The Sloth Sanctuary of Costa Rica mostra in primo piano un cucciolo di bradipo che fissa teneramente l'obiettivo. The Sloth...

Related Articles

Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here