Padova, muore imprenditore di 46 anni: Dopo la cena il tragico evento

Padova muore imprenditore di 46 anni dopo aver consumato la cena. Un'inaspettata morte che aveva visto protagonista anche suo fratello

Padova muore imprenditore di 46 anni dopo aver finito di cenare. Daniele Tagliaferro è morto improvvisamente all’interno della sua casa a Lozzo Atestino in provincia di Padova.

L’imprenditore viveva in casa insieme a suo padre e a uno dei suoi fratelli quando, dopo aver cenato è arrivato il tragico momento inaspettato. Un tonfo ha insospettito il fratello che ha deciso di andare a controllare se Daniele stesse bene.

Non appena il fratello di Daniele Tagliaferro ha trovato il corpo sul pavimento, ha chiamato prontamente i soccorsi, aspettando così l’ambulanza. Una volta arrivati i soccorsi per l’imprenditore purtroppo non c’è stato niente da fare.

Il cuore di Daniele Tagliaferro ha smesso di sbattere e i soccorsi sono stati inutili. Una coincidenza inaspettata ma soprattutto amara visto che, anche suo fratello Filippo è mancato alla sua stessa età ben undici anni fa.

Anche il fratello infatti, è morto a Gennaio a pochi giorni dal suo compleanno. Sul corpo di Daniele nelle prossime ore sarà l’autopsia a scoprire quello che è realmente successo dopo la cena.

Padova, muore imprenditore di 46 anni: Dopo la cena il tragico evento

L’imprenditore lavorava come disegnatore di interni con alcuni importanti realtà nazionali. Il 46enne infatti oltre ad avere lo studio di Lozzo, Tagliaferro gestiva alcune importanti società di servisti e aveva in mente di avviare nuovi progetti online.

La sorella Monica ha così dichiarato che: “Ci credeva molto, è un vero peccato che non abbia potuto vederlo crescere”. Lo stesso imprenditore, da diversi anni si prendeva cura di suo padre disabile.

Padova Muore imprenditore di 46 anni

Monica ha così continuato spiegando: “Riusciva a conciliare le due cose. Era davvero bravo ricorda la sorella, ancora scossa per il lutto improvviso. Non perdeva mai la voglia di scherzare, persino nei momenti più difficili”.

Lei stessa ha concluso spiegando: “Aveva sempre la battuta pronta continua Monica e una parola di incoraggiamento per tutti. Con lui si stava sempre bene. Portava gioia a chi gli stava accanto. Era anche un amante della cultura: si informava accuratamente, soprattutto nel suo ambito professionale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*