Take a fresh look at your lifestyle.

Rissa davanti al bar: giovani ubriachi nella follia

0 1

Ennesima rissa davanti al bar, questa volta i protagonisti sono dei giovani ragazzi decisamente travolti dall’alcol. Giornata all’insegna della violenza quella registrata in Via del Taglio a Parma, davanti ad un locale, dove il proprietario si è rifiutare di far entrare un gruppo di ragazzi palesemente ubriachi. Al rifiuto da parte del gestore, i giovani però non la prendono bene e decidono di vendicarsi.

Rissa davanti al bar: volano bottiglie e botte

E’ bastato un niente per far scattare la scintilla e far scoppiare il caos. Il gruppo di giovani protagonisti di questa vicenda, infatti volevano entrare a tutti i costi all’interno di un bar posto in Via del Taglio Periferia Est di Parma, nella vicinanza del Matilde Caffè.

Il proprietario però vedendo l’eccessiva ebrezza alcolica del gruppo, per evitare problemi e molestie agli altri clienti del locale, ha rifiutato categoricamente l’accesso ai giovani, facendoli andare su tutte le furie, purtroppo questo a scaturito una rissa davanti al bar.

- Advertisement -

In brevissimo tempo la rissa davanti al bar si trasforma in un fitto e pericoloso lancio di bottiglie e pezzi di vetro, i quali hanno rischiato di ferire chi voleva semplicemente passare una serata tranquilla in cerca di refrigerio.

La zona è molto conosciuta dai ragazzi, in quanto proprio nelle vicinanze del locale protagonista della vicenda, vi è un supermercato dove i giovani sono soliti ad acquistare alcolici a basso costo, con l’intenzione di bere fino allo stremo, e poi passare il resto del tempo dinanzi proprio al bar in questione.

Questa più o meno è la ricostruzione della serata di violenza accaduta quel giorno, ma fortunatamente nessuno dei presenti al momento del caos scaturito del lancio di bottiglie e cocci di vetro è rimasto ferito. Solamente tanta paura tra i vari clienti, e la rabbia del gestore che ha immediatamente allertato i carabinieri dell’accaduto.

Le forze dell’ordine sono dovute intervenire in gruppo per poter prima calmare gli animi e poi disperdere le persone coinvolte nel grave episodio. Il gruppo di giovani rischia ora una denuncia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.