Solange, stop al funerale chiesta l'autopsia

Solange, stop al funerale chiesta l’autopsia

Cos’è accaduto a Paolo Bucinelli, conosciuto nel mondo dello spettacolo con il nome di Solange? tanti sono i dubbi sulla sorte dell’ex sensitivo, trovato privo di vita nella sua casa di Collesalvetti.
Le prime notizie che sono arrivate, parlavano di un Solange che nei giorni precedenti aveva rifiutato il ricovero nell’ospedale di Pisa.

Al momento le cause della morte sono completamente sconosciute, anche se ad una prima ipotesi sembra che si tratti di un decesso per cause naturali.
In ogni caso il Pm Sabrina Carmassi, ha deciso di disporre l’autopsia del corpo per fugare ogni dubbio possibile.

Gli amici hanno trovato il corpo

Come detto in precedenza Paolo Bucinelli nei giorni precedenti alla scomparsa, si sarebbe sentito male, tant’è che è dovuto ricorrere alle cure presso l’ospedale di Pisa, dove gli avevano consigliato il ricovero, poi rifiutato dallo stesso Solange.
Una volta rientrato nei pressi della propria abitazione però, l’ex sensitivo si sarebbe sentito nuovamente male.

Alcuni conoscenti, non sentendolo per giorni si sarebbero recati al suo domicilio, dove hanno fatto la terribile scoperta.

Le parole di Nicola Rossi, e Francesca Vallini amici di Solange

“Paolo era sul divano ormai privo di vita. È stato doloroso vederlo così”

A rilasciare questa affermazione è Nicola Rossi, direttore di canale 50 nonché amico di Paolo Bucinelli. Sarebbe stato proprio lui a trovare Solange senza vita.
Insieme alla collega Francesca Vallini, sono le ultime persone ad averlo visto in vita.

Ci sentivamo tante volte al giorno ma dalla mattina dell’Epifania il telefono è rimasto muto e abbiamo pensato al peggio. Penso che sia deceduto in quella notte. Sono sconvolta perché era una persona speciale per me. Mi mancherà” cosi dichiara la Vallini.

Articolo Precedente

Nonno paletta chiede a due giovani di indossare la mascherina ma finisce aggredito

Articolo Successivo

Mangiare per noia: Ecco i consigli per evitare questa cattiva abitudine