Robadasocial.it
Magazine di notizie curiose dal mondo

Top e tubini: Dopo le ballerine, la nuova moda per lui

Dopo la moda delle ballerine per uomo, oggi sorge sempre per l'abbigliamento uomo, top e tubini. Un nuovo modo per rendere lui più fashion

Tubini e top per i maschietti

Dopo le ballerine per gli uomini, ecco in arrivo un altra novità sul mercato che stravolge i canoni uomini/donna. I top e i tubini per i nostri fidanzati (attente a non contendervi lo stesso vestito mi raccomando!)

Si avete capito bene, i top e i tubini, fino ad ieri abiti solamente per donne, da oggi possono essere indossati anche dai maschietti.

Come diceva il famosissimo Carl Gustav Jung, dentro ad ogni uomo c’è una donna. Forse però questa azienda ha estrapolato il concetto in una maniera decisamente errata. L’azienda in questione si chiama Asos, e la sua sede principale è nella capitale inglese.

La moda sta decisamente viaggiando su binari tutti suoi, stravolgendo completamente i canoni e le identità sessuali delle persone.

A volte arrivando a raggiungere livelli che per molti di noi sembrano assurdi e bizzarri. Come questo colpo di genio da parte di Asos. Dobbiamo cominciare sul serio a preoccuparci di questa moda folle? abiti per donne trasformati per gli uomini?

Top e tubini, una moda decisamente bizzarra

Siamo passati dalle ballerine, agli short in pizzo… tutto pur di rendere l’uomo ”meno” uomo possibile.
Asos però non ha deciso di fermarsi solo a questo.

Infatti sul sito web dell’azienda si trova decisamente di tutto: magliette e felpe scollate, e ovviamente anche le camicette (e mica potevano mancare quelle no?). La giustificazione dell’azienda? bhe ecco cosa pensano di questa brillante idea:

“Crediamo in un mondo senza pregiudizi, nel quale tu possa essere libero di sperimentare ed esprimere te stesso. Di essere coraggioso e prendere la vita come una meravigliosa avventura”.

Il web però non è stato fermo a guardare, infatti già si possono contare numerosi meme diventati virali e diverse battute su quella idea strampalata.

La reazione da parte del pubblico

Come detto il web è già stato catturato da questa idea, e la reazione del pubblico lascia intendere che non è molto gradita.

In particolare ad esprimere forti critiche sono le donne, che con tutte questi continui stravolgimenti di moda, si sentono minacciate. Altri invece si domandano chi avrebbe il coraggio di acquistare abbigliamenti di questo tipo.

Insomma le critiche che l’azienda sta ricevendo sono molto forti, eppure non hanno alcuna intenzione di fare un passo indietro, tant’è che hanno deciso di gettarsi sul mercato a cifre decisamente alla portata di tutti.

I top e i tubini sono stati messi in vendita a cifre alla portata di tutti(circa 17 euro), ma sono comunque ritenute particolarmente alte per una linea che sembra non aver raccolto il consenso del pubblico.

Insomma sembra che il loro obbiettivo di ”allargare gli orrizonti”, sembra sia destinato al fallimento.. o c’è qualcos’altro di più dietro?

Scopriamolo!

Cosa c’è dietro la trovata commerciale

E bene cominciare col dire che Asos ha numerosi brand sparsi in tutto il mondo, tra i quali molti non del tutto conosciuti.

In questa campagna, l’azienda si è messa nelle mani della Reclaimed Vintage, un marchio molto famoso riguardo gli abbigliamenti per uomini riusati.

Il motto usato dalla Reclaimed Vintage è piuttosto chiaro: perfetta vestibilità ed eleganza. Cosi affermano i produttori per enfatizzare meglio i pregi dei tubini e top.

Inoltre affermano che questi abiti sono la scelta ideale per poter fare colpo sulle altre persone (sembra che prendano in giro a noi.. ma noi di marketing non ne capiamo molto..)

Ciò che ci colpisce però e che forse..dietro ad Asos e la Reclaimed Vintage, ci sia una provocazione, atta solo ad ottenere visibilità per poi proporre sul mercato abiti ”comuni”. e per il mondo del web non sarebbe la prima volta che internet viene usato in questo modo.

Voi cosa ne pensate? Siete pro o contro i top e i tubini per uomini? Se volete esprimere una vostra opinione, vi invito a lasciare un commento sotto a questo articolo.

Leggi anche:

© Riproduzione riservata

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Supponiamo che tu stia bene con questo, ma puoi annullare l'iscrizione, se lo desideri. Accetta Leggi Tutto