Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

Cucciolo di bradipo fissa dolcemente la telecamera

Un tenero scatto diffuso da The Sloth Sanctuary of Costa Rica mostra in primo piano un cucciolo di bradipo che fissa teneramente l'obiettivo. The Sloth...

Traffico aereo bloccato con l’Italia causa Coronavirus

La paura da un lato, le misure precauzionali dall’altro hanno portato a ridurre i possibili casi di contagio da Coronavirus come nel caso del traffico aereo bloccato con l’Italia. Una decisione presa da diversi Paesi spaventati dai focolai presenti sul territorio italiano. Accanto a tali misure restrittive di tipo preventivo, l’emergenza potrebbe spingere anche a chiudere le frontiere con il nostro territorio. Anche se al momento non ci sono da parte dei Paesi confinanti con l’Italia tali intenzioni.

Mentre, a causa dei focolai isolati di soggetti infetti con lo scopo di limitare il contagio fuori dal nostro Paese, il traffico aereo è sottoposto a restrizioni. Quindi gli italiani non possono intraprendere viaggi all’estero. In sostanza il traffico aereo da e per l’Italia è stato bloccato per impedire la diffusione dei contagi.

Ad esempio in Bulgaria, la compagnia aerea Bulgarian Air ha sospeso i voli da e per Milano fino al 27 marzo. Mentre la Repubblica Ceca ha previsto per i passeggeri italiani in arrivo all’aeroporto di Praga un gate riservato, con misure igieniche più approfondite e screening mirato.

Anche la Lituania ha deciso di attivarsi nei confronti dei viaggiatori italiani provenienti dai focolai del virus, attraverso controlli a bordo per verificare la temperatura e lo stato di salute. Inoltre le autorità sanitarie potranno a discrezione monitorare la loro salute per due settimane.

In Grecia, il governo greco ha sospeso le gite scolastiche in Italia, dissuadendo i propri cittadini a recarsi in Italia in questo periodo. Lo stesso avviso è stato diramato da Bosnia e Macedonia che hanno sconsigliato ai propri cittadini di effettuare viaggi in Italia. In Croazia, le autorità di Stato hanno sospeso per circa un mese tutte le gite scolastiche sul nostro territorio. Una decisione presa anche dalle autorità della Romania.

Traffico aereo bloccato con l’Italia

Da parte sua, il Regno Unito non ha bloccato i collegamenti aerei con il nostro Paese, ma chiede a tutti coloro che tornano da un viaggio dalle zone colpite da Coronavirus un periodo di autoisolamento domestico di 14 giorni, anche se in assenza di sintomi. Il ministro della Salute, Matt Hancock ha precisato che tale misura di cautela dovrà essere adottata da chi è stato in visita nelle aree della zona rossa e non solo. Invece chi presenta sintomi deve contattare il 111. Anche l’Irlanda sconsiglia ai propri cittadini di recarsi nelle aree italiane focolaio del Coronavirus.

La Svizzera, è contraria a controlli e chiusura della frontiera, anche se diversi politici hanno dichiarato le preoccupazioni nei confronti della mobilità dei cittadini italiani. Inoltre le ferrovie svizzere affermano di non volere intervenire sul traffico internazionale verso il territorio italiano. Al momento la Germania non ha deciso di chiudere le frontiere con l’Italia.

Mentre l’Austria dopo una prima posizione di chiusura ha cambiato idea. Così, il cancelliere Sebastian Kurz ha dichiarato che si dovranno effettuare maggiori controlli su tutta la rete ferroviaria interessata dal traffico proveniente da Lombardia e Veneto. Per quanto riguarda la posizione della Francia, il governo di Macron ha rese note delle raccomandazioni da seguire nel caso in cui negli ultimi 14 giorni ci si è recato in zone a rischio. Le precauzioni riguardano chi è stato in: Lombardia, Veneto, Cina, Singapore e Corea del Sud. I cittadini francesi interessati sono invitati a mettersi in isolamento, evitando i contati con gli altri il più possibile.

Altri paesi interessati dal blocco

Israele, da quanto dichiarato dal ministro della Salute, Yaacov Litzman, sconsiglia i viaggi in Italia. Si ipotizza un possibile isolamento degli arrivi aerei dal nostro Paese in ingresso ad Israele. Infatti lo scorso 27 febbraio le autorità israeliane hanno respinto alcuni nostri connazionali provenienti da voli partiti da Bergamo, da Venezia e da Milano.

Negli aeroporti di Hong Kong non si è imposto il traffico aereo bloccato con l’Italia, ma i viaggiatori passati per Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna saranno sottoposti a quarantena obbligatoria di 14 giorni. Tale isolamento non è previsto per i passeggeri in transito aeroportuale verso tali aree. Le autorità delle Seychelles hanno ordinato il divieto di imbarcare qualsiasi passeggero che sia stato in Italia ed in Cina negli ultimi 14 giorni. Mentre per i cittadini di ritorno dalle zone a rischio, si deve applicare la quarantena

Nelle Mauritius è in vigore il divieto di ingresso per coloro che provengono da Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Mentre a Cuba è diventata obbligatoria, per i viaggiatori provenienti dal nostro Paese, una quarantena preventiva in ospedale per 14 giorni. Terminato il quale, si dovranno eseguire altri controlli sanitari per due settimane. In Iraq si respingono i viaggiatori italiani; il governo di Baghdad ha vietato gli ingressi anche ai passeggeri provenienti da: Cina, Thailandia, Corea del Sud, Giappone, Singapore, Iran. Il Kuwait ha deciso di interrompere tutti i collegamenti aerei fino al 9 marzo con: Italia, Corea del Sud, Iraq, Thailandia.

Approfondimenti

Avere paura del Coronavirus, è una buona arma di difesa
Un ragazzo sputa sulla frutta, nel pieno dell’emergenza Cortonavirus
Cosa fare in casa, rispettando i divieti per Coronavirus

Must Read

Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

Cucciolo di bradipo fissa dolcemente la telecamera

Un tenero scatto diffuso da The Sloth Sanctuary of Costa Rica mostra in primo piano un cucciolo di bradipo che fissa teneramente l'obiettivo. The Sloth...

Related Articles

Baby Mop, la tutina per il bambino che gattona e pulisce

Si chiama Baby Mop ed è un'idea a dir poco esilarante per tutte le mamme ogni giorno alle prese con bimbi piccoli e faccende...

Cistite in gravidanza, sintomi e prevenzione

La cistite in gravidanza, ovvero l'infiammazione della vescica, è una condizione dolorosa e fastidiosa che colpisce spessissimo l'universo femminile. Le probabilità di contrarre quest'infiammazione...

Colpo di calore nel bambino, cosa fare?

Uno dei problemi che da genitori possiamo trovarci ad affrontare riguarda il colpo di calore nel bambino. Se, infatti, da neonati è difficilissimo che...

Infezione ai polmoni contratta annusando i calzini sudati

Un uomo di nazionalità cinese con l'abitudine di annusare i propri calzini sudati e sporchi, è finito in ospedale procurandosi un'infezione ai polmoni. A...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here