Travolgono un bambino e rischiano il linciaggio

Travolgono un bambino e rischiano il linciaggio

Una triste storia di cronaca nera, ancora una volta travolgono un bambino e si danno alla fuga. Solamente grazie all’intervento rapido e tempestivo da parte della Polizia Locale di Roma, ha evitato che la folla, inferocita per l’incidente avvenuto pochi minuti prima , linciasse uno dei presenti sul mezzo coinvolto. A rischiare grosso infatti, è uno dei passeggeri della bmw che ha travolto un bambino di 11 anni di origini equadoregne per poi scappare rapidamente lasciando il piccolo in mezzo alla strada senza prestare alcun soccorso.

La tragedia sfiorata è avvenuta il 3 marzo appena poco dopo le 14.00 a Castel Verde, periferia est della capitale. Il bambino è stato velocemente trasportato con il codice rosso presso il Policlinico Universitario Agostino Gemelli, e dalle prime informazioni sono stabili senza alcun pericolo di vita.

Travolgono un bambino e si danno alla fuga

L’automobile che si è data alla fuga, è stata rintracciata dagli agenti di polizia poco lontano dal luogo dell’incidente. In zona era rimasto ancora presente il passeggero del mezzo, un egiziano di 45 anni che aveva cercato di trovare un rifugio presso un bar in zona. Peccato per lui che alcuni cittadini lo hanno seguito accerchiandolo all’interno del locale.

L’intervento veloce e rapido delle forze dell’ordine ha impedito che tutto finisse per il peggio, e hanno sottratto l’uomo alla folla furiosa. La persona, è stata accompagnata presso il policlinico Umberto I per medicare diverse ferite, e per sottoporlo ad alcuni test alcolemici e tossicologici per capire il suo stato mentre si trovava all’interno del mezzo.
La polizia in ogni caso sta valutando tutte le ipotesi per cercare di capire l’esatta dinamica dei fatti, e per risalire all’identità dell’altra persona che si trovava alla guida del mezzo.

Articolo Precedente

Mantova, multato insegnante senza mascherina: “L’obbligo come le leggi razziali”

Articolo Successivo

baby gang, giravano armati e rapinavano coetanei: sgominata