Treviso: Uomo toglie la vita al figlio e poi si suicida

Treviso: Uomo toglie la vita al figlio e poi si suicida

Orrore a Castello di Godego in provincia di Treviso, dove un uomo di 43 anni ha tolto la vita al proprio figlio e infine si è suicidato.

L’ennesima notizia di cronaca dove un figlio ha perso la vita per mano del padre. A trovare i due corpi è stato il nonno del piccolo, che ha allertato immediatamente i carabinieri. Al momento del fatto, la madre si trovava fuori casa.

Domenica di sangue a Treviso

Dopo una prima analisi sulla scena del crimine, i carabinieri hanno già un quadro di quello che è accaduto.
L’omicidio-suicidio è avvenuto all’interno del bagno di casa. I tre vivevano all’interno di un’abitazione posta al primo piano di una palazzina.

La famiglia

Sentiti parenti e amici riguardo alla situazione famigliare, i carabinieri hanno scoperto che tra la coppia non vi fossero alcun tipo di problemi; secondo le deposizioni ascoltate, infatti si trattava di una famiglia felice ed unita.

L’uomo lavorava presso un’azienda che produceva delle macchine impastatrici, mentre la donna era impegnata in una cooperativa nel settore dei servizi per ospedali. I Carabinieri hanno escluso anche eventuali problemi di natura economica.

La motivazione dietro il delitto

Le forze dell’ordine di Treviso, hanno rinvenuto sulla scena del crimine, una lettera scritta dall’uomo dove spiega la natura del suo gesto. Sembra che l’uomo era tormentato dai problemi di salute del bambino, i quali i medici non avevano dato speranza di guarigione.

Articolo Precedente

La mentalità prepper scatenata dal Coronavirus

Articolo Successivo

Bufera Social: Facebook censura i film di Lino Banfi