Arrestato con l'accusa di tentato omicidio

Arrestato con l’accusa di tentato omicidio

Ha cercato di uccidere un uomo travolgendolo con la propria auto, ma i piani non vanno come sperava. L’aggressore finisce in manette con l’accusa di tentato omicidio.

Prima la lite poi il tentato omicidio

I due, entrambi di origine albanese si conoscevano, ed avevano avuto un passato criminale insieme. Dalla prima ricostruzione da parte dei carabinieri il tentato omicidio è avvenuto la mattina del 26 Febbraio presso un distributore di Castelcovati (Brescia).

Secondo alcuni testimoni i due avrebbero avuto una discussione piuttosto violenta con tanto di scontro fisico. Il titolare dell’area di servizio ha cercato in ogni modo di portare gli animi a calmarsi. Infatti l’uomo più grande, un 40 enne, e risalito a bordo della propria automobile e si è allontanato.

Per un istante sembrava che tutto fosse tornato alla tranquillità, e che il litigio fosse passato. Il più giovane dei due, di 36 anni, si è allontanato a piedi nella direzione opposta del suo connazionale, poi è successo il fatto. L’aggressore a bordo della sua auto ha centrato in pieno la vittima, facendogli fare un volo di almeno una decina di metri.

I carabinieri giungono in fretta

Qualcuno doveva aver allertato le forze dell’ordine già durante il litigio, perché sono passati pochi attimi quando le forze dell’ordine sono arrivate a sirene spiegate sul luogo dell’aggressione.

L’uomo di 40 anni non ha potuto nient’altro, e i carabinieri lo hanno arrestato ancora sul luogo del misfatto. Per il giovane travolto invece, è dovuto intervenire un elisoccorso per portarlo il prima possibile agli Ospedali Civili di Brescia.

La prognosi rilasciata dai medici è di 30 giorni per fratture multiple, nonostante ciò l’Autorità Giudiziaria ha comunque stabilito anche per lui che le porte del carcere si aprissero.

Articolo Precedente

Le caratteristiche del segno dell’Ariete

Articolo Successivo

Rimini, asilo abusivo per i figli dei no vax: I bambini iscritti erano ben 46