Robadasocial.it
Magazine di notizie curiose dal mondo

Violenza sulle donne: il consigliere leghista si scusa

"Violenza sulle donne: il 90% delle denunce sono false": una frase infelice quella di Umberto La Morgia che nega l'evidenza. La Lega si dissocia e lui chiede scusa

Violenza sulle donne: “Il 90% delle denunce sono false” e poi arrivano le scuse del consigliere leghista

Violenza sulle donne – “Il 90% delle denunce di violenza sulle donne sono false e vengono archiviate. Ma intasano procure e tribunali”. La frase incriminata è proprio questa. Sulla quale una bufera di polemiche ha portato alle scuse da parte del consigliere comunale di Casalecchio Umberto La Morgia.

Secondo il consigliere leghista, infatti, come avrebbe scritto sulla sua pagina Facebook, le violenze subite dalle donne porterebbero per la maggior parte a un nulla di fatto. Con la conseguenza di intasare le aule deputate a dirimere simili controversie tra uomo e donna.

Una frase inaccettabile, proprio nel giorno dedicato alla violenza sulle donne e soprattutto alla sensibilizzazione in tal senso. “Parole inaccettabili” come avrebbe sottolineato la stessa consigliera del Pd Alice Morotti.

Dopo la sua denuncia arriva anche la posizione della Lega che si dissocia da quanto detto dal consigliere, apostrofando la frase scritta sui social dal consigliere come “Inopportuna”.

A seguito della bufera che si è scatenata su La Morgia, arrivano le scuse ed il retromarcia del consigliere, che cancella il post e ci tiene a precisare quale sia la sua “vera posizione”.

Violenza sulle donne: le scuse del consigliere leghista La Morgia

Riportiamo fedelmente il suo post pubblicato sul suo profilo Facebook. “Mi dispiace molto di essere stato approssimativo e inopportuno nel giorno dedicato alla tutela delle donne e mi scuso se qualcuno possa essersi sentito offeso. I dati che ho citato mi sono stati forniti dalle associazioni di genitori separati”.

Scuse che non si sa quanto siano davvero sentite. Anche perché proprio oggi la consigliera del Ps, Alice Morotti ha rimarcato quella che secondo lei sarebbe la vera posizione del leghista.

“Durante un consiglio Unione dei comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia è arrivato a dire che la violenza sulle donne è un’esagerazione della cultura dominante femminista”. Una opinione che, se detta all’interno di una sede istituzionale risulta essere ancor più grave, secondo la consigliera.

La Lega, nella persona del segretario della sezione emiliana Gianluca Vinci, apostrofa il consigliere.
“Il consigliere La Morgia parla a titolo personale, la Lega si dissocia ed è chiara nelle intenzioni del partito la lotta alla violenza contro le donne. In aula la Lega ha portato anche il Codice Rosso che oggi è legge”.

Dal canto suo, La Morgia avrebbe ribattuto, rilanciando sulla violenza che anche molti uomini subiscono da parte delle donne. Non solo violenza fisica ma anche verbale e che si manifesta con l’alienazione parentale e le migliaia di denunce con cui le donne allontanavano i bambini dai padri. “In sede di separazione civile – avrebbe aggiunto il consigliere leghista -, queste cose riducono gli uomini sul lastrico?”

Il riferimento ad una violenza silenziosa a carico degli uomini avrebbe scatenato ulteriori polemiche. Tergiversare su un post ormai cancellato che però diceva tutt’altro è semplice, hanno sottolineato le forze del Pd.

Il chiaro intento di La Morgia era quello di parlare di ciò di cui ha parlato e non di certo di fare il punto sulla questione “violenze”, altrimenti non avrebbe avuto senso farlo proprio il 26 novembre.

Le scuse comunque sono arrivate e bisogna prenderne atto.

© Riproduzione riservata
Potrebbe interessarti anche:

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Supponiamo che tu stia bene con questo, ma puoi annullare l'iscrizione, se lo desideri. Accetta Leggi Tutto